NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookies

Il cookie è un piccolo file di testo (pochi byte) scambiato tra un sito internet e il browser, normalmente utilizzato dal gestore del sito internet per memorizzare le informazioni necessarie a migliorare la navigazione all’interno del sito.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici

Questi cookie permettono al sito di funzionare correttamente; sono volti a mantenere adeguato il funzionamento della navigazione o a incrementare le funzionalità o le prestazioni del sito. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono gestiti dalla nostra società. Si suddividono in:

– cookie di navigazione o di sessione: sono volti a garantire la normale navigazione e fruizione del sito, utilizzando differenti opzioni o servizi. Questi cookie permettono, ad esempio, di memorizzare gli elementi che caratterizzano una determinata richiesta, realizzare un acquisto, sottoscrivere la partecipazione ad un evento;

– cookie di funzionalità: sono cookie che permettono all’Utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (come ad esempio lingua, caratteri di testo, tipo di browser) al fine di migliorare il servizio reso;

– cookie analitici: sono utilizzati per elaborare analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito attraverso i computer sul numero di pagine visitate o il numero di click effettuati su una pagina durante la navigazione del sito, nonché rapporti sui dati demografici (come ad esempio sesso, età e interessi). Vengono utilizzati per raccogliere dati sul modo in cui i visitatori (non solo coloro che sono registrati) utilizzano il sito e dunque consentirci di migliorarne l’aspetto e la navigazione.

In particolare vengono utilizzati i servizi di Google denominato Google Analytics e di StatCounter a cui vengono inviati dati non aggregati e per tale motivo è richiesto il consenso informato all’Utente. Per ulteriori informazioni circa Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:http://www.google.it/policies/privacy/partners/ L’Utente può disabilitare in modo selettivo l’azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l’azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Per ulteriori informazioni circa StatCounter, si rinvia al link di seguito indicato:http://statcounter.com/about/cookies/

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi e contenuti in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. Il sito http://www.arredopellanda.com/ non utilizza cookie proprietari di profilazione.

Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei “social plugin” per Facebook, Twitter, Google+, YouTube, ecc. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti e integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Facebook informativa: http://www.facebook.com/help/cookies/ 
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informativa: http://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): http://twitter.com/settings/security
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ 
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/
YouTube informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
Issuu informativa: http://issuu.com/legal/privacy
Survey Monkey informativa: http://it.surveymonkey.com/mp/policy/privacy-policy-20150101/
AddThis informativa: http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy

Gestione dei cookie

L’Utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.
A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni ->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

Chrome: http://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it 
Firefox: http://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html 
Safari per iPhone, iPad, o iPod touch: http://support.apple.com/it-it/HT201265
Safari per Mac: http://support.apple.com/kb/PH19214?viewlocale=it_IT&locale=it_IT

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l’impostazione dei cookie, ma interrompe l’utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società. Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l’indirizzo www.youronlinechoices.eu/it/

Piani di lavoro per la cucina: quale scelgo?

top cucina quarzo

Ciao e bentornato!
nella scelta della tua nuova cucina , è importante il tipo di piano che sceglierai ?
Certo che si!
Ce ne sono di molti tipi, alcuni con caratteristiche molto diverse tra loro , e che possono rispondere o meno alle tue esigenze.
A tal proposito, ne considererei 2 molto importanti :
• le tue esigenze di praticità
• le tue esigenze estetiche
Ti spiego meglio:
nel primo caso considera se per te è importante che il piano sia pratico da pulire, da mantenere nel tempo, forte ;
nel secondo caso (esigenze estetiche) considera se per te è importante che il piano della tua cucina sia bello proprio come vorresti tu.

Puoi trovare questi due aspetti assieme : si, purtroppo però solo in pochi casi.
In giro sentirai altri pareri diversi dal mio, sta di fatto che ci sono alcuni materiali nati con il concetto di essere estremamente pratici e altri materiali nati per essere estremamente belli.
Qualche tipo di piano che è dotato di entrambe le caratteristiche c'è e ne parleremo tra poco.
C'è anche qualche tipo di piano che non è né bello, né pratico.

Iniziamo, così ti puoi fare fin da subito un'idea!

Il laminato: è il top di base, quello di partenza, il più economico che puoi mettere sulla tua cucina . Sostanzialmente è un piano di lavoro in truciolare rivestito con materiali colorati in varie finiture. Se invece del piano così chiamato di serie ti fai fare un piano in laminato vero, ovvero quello rivestito con la formica, avrai sempre un piano di fascia economica , ma comunque un materiale molto resistente e con una buona tenuta ai graffi.


top cucina legno Il legno: il piano in legno è un piano 100% naturale, massiccio e molto solido. E' un materiale nobile, molto duro e particolarmente bello da un punto di vista estetico. Prova a pensare ad una cucina bianca laccata a cui abbini un piano in legno più scuro ( e poi con lo stesso legno fai dei dettagli della cucina e ti fai fare anche il tavolo e le sedie , lo trovo estremamente elegante e raffinato! ). Devi avere alcuni accorgimenti: fatta eccezione per alcuni tipi di legno, questo piano non teme molto l'acqua, basta asciugarlo quando hai finito di usarlo , si può graffiare , ma soprattutto devi stare molto attento ad evitare di metterci la pentola appena tolta dalla fiamma! In quel caso rischi che ti rimanga l'alone nel piano ( anche con gli altri piani comunque non è consigliato ) che purtroppo non andrà più via. Il piano in legno, essendo materiale vero, vivo, può creare qualche crepolatura, che devi considerare come pregio del materiale stesso.


Il marmo: è una pietra ( ne trovi di vari colori, dalla più chiara , il Bianco di Asiago e il bianco di Carrara, alla più scura la pietra Grey. In mezzo ci sono molte tonalità di colore e di venature ). La sua particolarità è la bellezza: come per il piano in legno, è un prodotto naturale al 100% e crea disegni unici dentro la tua cucina! Allo stesso tempo ha alcuni aspetti a cui devi prestare attenzione : può assorbire liquidi ( tipo caffè, sugo, vino, ecc ) , pertanto ti consiglio di farti trattare fin da subito il piano dal marmista o da chi ti vende il piano in modo da avere una specie di pellicola protettiva sopra il piano naturale . Questo trattamento non durerà tutta la vita, ma puoi facilmente rifarlo a casa tua, da solo. Sostanzialmente , dopo una normale pulizia del piano, passi un particolare prodotto liquido e lasci asciugare . Il gioco è fatto! Quindi ritornando, può assorbire senza gli accorgimenti e si può graffiare ( come tanti altri materiali naturalmente ).


Il granito: è un altro tipo di pietra naturale, questa , a differenza del marmo , non assorbe e tendenzialmente non la graffi. A livello di praticità d'uso è uno tra i piani migliori che puoi scegliere .Ha un difetto che ha dei colori e delle composizioni che non sempre piacciono. Proprio per questo propongo ai miei clienti di far fare al piano di lavoro in granito un trattamento particolare: al posto di lasciarlo liscio normale, farlo fare fiammato e spazzolato. Vedrai come cambia, ti piacerà!


L’agglomerato di quarzo: la maggior parte di voi lo conoscerà sotto il nome di Okite . Okite è una marca di quarzo/marmo tecnico ; nel mercato poi ne trovi molte altre: Silestone, Santa Margherita , Qevo, Diresco, Stone Italiana, e altri ancora . Sono dei materiali compositi, con parti in quarzo , resine, a volte vetro . Li trovi sia monocolore ( tinta unita , bianco/ nero e tanti altri colori ) , che puntinati , oppure con effetto pietra naturale .
Alcuni consigli :
tieni a mente una cosa : chiunque te lo proponga ti dirà che è il miglior prodotto in assoluto in quanto non si macchia, non assorbe , non si rompe.... in altre parole... la perfezione ! La realtà dei fatti dice il contrario : anche questi tipi di piano hanno bisogno di un minimo di accortezza e di un minimo di pulizia / manutenzione ; per quanto garantiti siano, qualche volta si macchiano, qualche alone lo vedi ( soprattutto nelle attuali finiture opache ) e, con il caldo delle pentole, possono crepare.
Quindi, ottimo prodotto con un po' di cura !


Il Dekton: è un evoluzione del marmo tecnico della Sileston ed ha delle lastre dove sono riusciti ad imitare la pietra naturale abbastanza bene. Se quindi sei convinto di volere il marmo tecnico come piano della tua cucina e vuoi qualcosa che assomigli al naturale, può essere la tua scelta ! In più è garantito 10 anni ed è molto resistente!


Il corian: prodotto sintetico presente nel mercato da molto tempo, disponibile in diversi colori, molto apprezzato nella finitura bianca ( che è veramente spettacolare !). Ha alcune caratteristiche che sono uniche e che possono fare al caso tuo : innanzi tutto è un materiale che, se ben lavorato, ti permette di non vedere le giunzioni ( o come preferisco dire, si vedono veramente molto poco , solo un occhio attento può notare una leggera rimarcatura ) e fa sì che tu abbia un piano unico interno anche se hai una cucina ad angolo, su tre lati o molto grande! Inoltre puoi fare il lavandino dello stesso materiale e sembra tutto incorporato ( sembra quasi scolpito in un blocco intero!). E’ un piano di lavoro modellabile, nel senso che portato a temperature molto alte ( tranquillo tu a casa non lo puoi fare ) puoi creare delle curve, delle sagomature particolari che con altri materiali non si possono eseguire. Si può rovinare: SI , lo puoi strisciare nell'uso domestico. Il bello è che lo puoi riparare senza doverlo portar via : passi con una spugnetta specifica abrasiva e poi lo lucidi e torna come nuovo ( consiglio: anche se è una cosa che puoi fare tranquillamente tu, chiama chi te lo ha fornito e fatti fare il lavoro ad hoc!)


l'acciaio: materiale usato principalmente nella ristorazione, ciclicamente viene riproposto anche come piano di cucina da casa . E' un ottimo materiale, molto pulito ed igienico, molto bello da vedere . Note dolenti: ha bisogno di un po' di cura per tenerlo pulito ( non si macchia, solo va pulito bene per evitare aloni ) e tende a graffiarsi . E' da dire che questo tipo di piano è molto bello anche se un po’ strisciato!


Il piano piastrellato: costruito con un pannello a base di legno come supporto e rivestito con le mattonelle, è idoneo per cucine di sapore classico / country. Come ben conoscerai la piastrella è molto robusta , e quindi va molto bene per il piano della cucina. Unica cosa, tieni conto delle fughe da pulire! Lo puoi vedere bene per la seconda cucina in taverna , o per la casa in montagna; per la cucina principale è importante considerarne anche l’aspetto della pulizia. E per la cucina moderna ? C'è la soluzione con la ceramica ? Certo che si!


il piano in kerlite: anche qui la kerlite è una marca, ne trovi anche altre, a mente mi viene la Panaria . Sono delle lastre molto grandi da 3 o 5 mm di spessore , con le quali puoi rivestire a lastra unica ( senza fughe ) il tuo piano di lavoro . Viene sempre sorretto da un pannello in legno e rivestito da queste grandi lastre. L'effetto è molto gradevole e i colori delle lastre sono molto attuali. Ha un'ottima resistenza ai graffi e al calore.


il cristallo: piano costruito su lastra di cristallo , di solito viene laccato nella parte sottostante per far sì che non si vedano i mobili sotto. E' una soluzione buona, molto igienica . Anche se ti può dar la sensazione della fragilità, il cristallo è uno tra i materiali più duri che esistano ( dimenticavo il piano deve essere assolutamente temperato!). Si graffia difficilmente ed è facile da pulire . E' più adatto ad una cucina moderna.

Qualunque sia la tua scelta presta comunque queste piccole accortezze e farai durare a lungo il tuo piano :

a) non mettere le pentole calde direttamente sul piano
b) quando hai finito di lavare qualsiasi cosa nel lavello asciuga bene il piano di lavoro
c) pulisci almeno una volta al giorno il piano in modo da togliere eventuale sporco residuo

Non ci sono altri materiali da scegliere per il tuo piano delle cucina?
Certo che ce ne sono anche altri: non ti ho menzionato il piano in cemento, il piano in ecomalta e altri ancora.
Non l'ho fatto per un motivo ben specifico:
hanno poca storicità e non li ho ancora testati, quindi ti dovrei dare delle informazioni non complete basandomi unicamente sulle schede tecniche del fornitore che più volte ho trovato non completamente corrispondenti al vero !

Ora hai le idee più chiare e puoi scegliere con maggiore tranquillità!
Se invece vuoi avere qualche informazione in più , o vuoi avere un confronto perché ti hanno riferito qualcosa di diverso , non ti preoccupare, chiamami pure che cerchiamo di capire dove sta l'inghippo!

Ciao alla prossima!

Chi ha scritto questi articoli:

lucio pellanda arredamento vicenza min

Lucio Pellanda
Figlio di Giuliano Pellanda, sono il responsabile commerciale dell'azienda di famiglia.
Da quando papà Giuliano mi ha lasciato le redini dell'azienda, coordino tutti i collaboratori storici, i falegnami ed i tecnici installatori.